Se disponi del Terminale Fusion, Stand Alone e RCH accedi a Portale Rivenditori.
Se disponi del Terminale M210 e Smartpos accedi con MYB5.
ACCEDI ALLA TUA AREA RISERVATA

Entra anche tu nella rete di punti vendita Mooney

Serve aiuto?
Cerca nella sezione Help Center
Richiedi assistenza

Reclami e procedura Arbitrato Bancario Finanziario

Per eventuali contestazioni in ordine ai rapporti intrattenuti con SisalPay S.p.A., l’Esercente può presentare un reclamo secondo una delle seguenti modalità:

  • invio di una PEC all’indirizzo: sisalgroup.reclami@legalmail.it;
  • invio di un’e-mail all’indirizzo: ship_reclami@sisal.it;
  • invio di una lettera a mezzo posta ordinaria al seguente indirizzo: Via Alessio di Tocqueville, 13 – 20154, Milano, destinatario: SisalPay S.p.A., Ufficio Reclami.

Al reclamo verrà dato riscontro entro 15 (quindici) giorni lavorativi dalla sua ricezione, a meno che per ragioni eccezionali non sia possibile rispettare tale termine, verrà fornita al Titolare una risposta interlocutoria motivando le ragioni del ritardo. In ogni caso All’Esercente dovrà comunque essere fornita una risposta entro il termine di 30 (trenta) giorni dalla ricezione del reclamo.

Qualora l’Esercente non sia soddisfatto o non abbia ricevuto risposta, prima di ricorrere al giudice, limitatamente ai contratti di BILL (merchant), Acquiring e SISALPAY Card, può:

  • rivolgersi all’Arbitro Bancario Finanziario (ABF). Per sapere come rivolgersi a tale organismo e l’ambito della sua competenza, il Titolare può consultare il sito internet www.arbitrobancariofinanziario.it, consultare l’apposita Guida a disposizione presso i Punti Vendita o sul sito www.sisalpay.it;
  • rivolgersi al Conciliatore Bancario Finanziario. Per sapere come rivolgersi a tale organismo e l’ambito della sua competenza, il Titolare può consultare il sito internet (www.conciliatorebancario.it) o
  •  presentare un esposto alla Banca d’Italia, via Nazionale 91, 00184 Roma - Tel: +39 06 47921 - PEC: bancaditalia@pec.bancaditalia.it - E-mail: email@bancaditalia.it - sito: https://servizionline.bancaditalia.it/home

La proposizione dell’esposto o del ricorso in una delle forme sopra indicate non pregiudica il diritto dell’Esercente di adire la competente autorità giudiziaria.

ABF

Reclami e procedura Arbitrato Bancario Finanziario

Per eventuali contestazioni in ordine ai rapporti intrattenuti con SisalPay S.p.A., l’Esercente può presentare un reclamo secondo una delle seguenti modalità:

  • invio di una PEC all’indirizzo: sisalgroup.reclami@legalmail.it;
  • invio di un’e-mail all’indirizzo: ship_reclami@sisal.it;
  • invio di una lettera a mezzo posta ordinaria al seguente indirizzo: Via Alessio di Tocqueville, 13 – 20154, Milano, destinatario: SisalPay S.p.A., Ufficio Reclami.

Al reclamo verrà dato riscontro entro 15 (quindici) giorni lavorativi dalla sua ricezione, a meno che per ragioni eccezionali non sia possibile rispettare tale termine, verrà fornita al Titolare una risposta interlocutoria motivando le ragioni del ritardo. In ogni caso All’Esercente dovrà comunque essere fornita una risposta entro il termine di 30 (trenta) giorni dalla ricezione del reclamo.

Qualora l’Esercente non sia soddisfatto o non abbia ricevuto risposta, prima di ricorrere al giudice, limitatamente ai contratti di BILL (merchant), Acquiring e SISALPAY Card, può:

  • rivolgersi all’Arbitro Bancario Finanziario (ABF). Per sapere come rivolgersi a tale organismo e l’ambito della sua competenza, il Titolare può consultare il sito internet www.arbitrobancariofinanziario.it, consultare l’apposita Guida a disposizione presso i Punti Vendita o sul sito www.sisalpay.it;
  • rivolgersi al Conciliatore Bancario Finanziario. Per sapere come rivolgersi a tale organismo e l’ambito della sua competenza, il Titolare può consultare il sito internet (www.conciliatorebancario.it) o
  •  presentare un esposto alla Banca d’Italia, via Nazionale 91, 00184 Roma - Tel: +39 06 47921 - PEC: bancaditalia@pec.bancaditalia.it - E-mail: email@bancaditalia.it - sito: https://servizionline.bancaditalia.it/home

La proposizione dell’esposto o del ricorso in una delle forme sopra indicate non pregiudica il diritto dell’Esercente di adire la competente autorità giudiziaria.